Comitato  per  la  Valorizzazione  della  Valpantena

Circolo Culturale di Documentazione, Studio e Divulgazione della Storia e della Cultura della Valpantena - VR

chi siamo valpantena? attività culturali tutela ambientale archivio collaborazioni link scrivici
Notizie Utili

LA NOSTRA PROPOSTA


Presentiamo un circostanziato dissenso rispetto al progetto di prolungamento della SP6 e raccogliamo firme alla nostra proposta alternativa

raccolta firme anche via e-mail

 
cognome nome

indirizzo

e-mail

 

 

Iscriviti alla nostra news letter
cognome nome


e-mail


 
 
 
 
 
 
 
Home >

QUINTO Espropri onerosi (titolo fuorviante)
 

Giovedì 31 Marzo 2011 LETTERE, pagina 23
 

Dopo aver planato, per monti e per mari, sulla lunga distanza (corridoio 1 Berlino - Palermo, 2.410 km - 1.612 italiani, 798 oltre confine) torno in quel di Quinto, dove, dall'uscio di casa, posso vedere, quasi con mano toccare il mini raccordo (meno di 3 km) dalla P6 alla tangenziale Est.

Raccordo, ancora in alto mare, nella duplice versione: ipotesi prima, intero tracciato ex novo ad Est del torrente Valpantena; ipotesi due, tratta iniziale ex novo, seconda parte, riqualificando l'esistente vecchia Valpantena.

L'una o l'altra non fa differenza, purché una delle due, finalmente si faccia. Se, come sembra, è questione di soldi, la riqualificazione, è decisamente la più economica, con buona probabilità, viene a costare meno della metà; passo a qualche specifica considerazione. Ipotesi 1: oltre ai danarosi contestati espropri, necessitano una mezza dozzina di cavalcavia per il collegamento delle due mezze vallate spaccate, un ponte sul torrente Valpantena, dietro il mangimificio Veronesi, un sottopasso sulla strada delle Giare.

Tralascio il discorso sul raccordo in tangenziale struttura a minimizzare impegnativa se non da capogiro. Ipotesi 2: parte iniziale in sovrapposizione alla prima, mentre il punto qualificante, o impegnativo, sono i circa 400 metri in tunnel, per salvaguardare, gli accessi esistenti sulla Valpantena: Altarol, Casati, Verdevalle, via Maioli, Poiano, i quali, dopo la rotonda per Poiano- probabilmente non più strategica- possono regolarmente innestarsi sulla P6 tornata a cielo aperto.

Di irrilevante difficoltà il sottopasso, per eliminare il semaforo, all'altezza di via Segorte. Prolungato infine il tunnel per l'accesso a Sud di Poiano, la riqualificazione è ultimata e pronta ad innestarsi in tangenziale Est, mediante l'esistente collaudato raccordo. Sintesi: riqualificando, si hanno tempi certi, costi più che dimezzati, e malgrado sia nell'oggi etichettata come la soluzione di ripiego, in prospettiva, in vista del Traforo, potrebbe rivelarsi quella di gran lunga più razionale oltreché funzionale.
 

Luigino Ferrari
VERONA

 
chi siamo valpantena? attività culturali tutela ambientale archivio collaborazioni link scrivici